La frase della settimana

E bon, tanto poi io la chiamo Paolina!

domenica 2 marzo 2008

Perché Sanremo è Sanremo

No ghe credo. Primi sono arrivati due che si chiamano Ponce e Di Tonno, de cognome proprio, e che sembrano usciti dal serial americano degli anni Ottanta. Ma soprattutto indimenticabile icona trash di Barby Tatatangelo che col premio in man dice "Ti amo, Gigi". Adesso Sanremo è davvero Sanremo, basta canzoni sui matti e la politica. Bisogna avere delle certezze nella vita. :-)

5 commenti:

Dilkar ha detto...

Sanremo? SANREMO?

...

S A N R E M O?

Ma che è? Ah quella cosa che danno in quella scatola con le immagini tra un neo di Vespa e un culo di una soubrette?

Ahhh... il festival della canzone italiana, di cui la Tatangelo è giustamente una punta di diamante. Diamante... punta si, ma di qualcos'altro forse...

Peccato però.
Peccato che dei terroristi islamici non abbiano sbagliato strada finendo a Sanremo ieri sera. Avrebbero guadagnato il paradiso con una buona azione... Forse gli davano anche qualche vergine bonus.

poppoppo'

Martina ha detto...

Ma chi è questo genio autore di perle di rara saggezza :)? Anch'io mi sono emozionata di fronte ad Anna Tatangelo in tutta la sua abbronzatura. Amici, mi dispiace, siete oggetto di meme. Spero che vi consoli pensare che dovrete scrivere ciascuno la metà dei segreti che ho dovuto scrivere io :) E che potete scoprire nuove cose l'uno dell'altra. Per capire di cosa sto blaterando, andate sul mio blog. Baci!

Amicominkit ha detto...

purtroppo So Di Tonno ha usurpato il gradino del podio che solo la mitica anna acqua e sapone poteva meritare, l'unica mia consolazione è che versi come
"C’è chi ti guarda con disprezzo
Perché ha il cuore di un pupazzo dentro
Se a chi dice che non sei normale
Tu non piangere su quello che non sei"
rimarranno indelebili nella storia del pop partenopeo ma soprattutto della musica mondiale. Grazie Anna, ragazza di periferia.

Carla ha detto...

Oh Michi solo tu potevi capire... Questo burbero che ho al fianco non mi fa nemmeno accendere la televisione.

davidaola ha detto...

Che bello, non occorre che guardo la tv, tanto bastano un due righe di recensione da parte di 'the beast' e so tutto quello che occorre sapere: la sintesi perfetta!
saluti,
naso gocciolante.

Si ringraziano

Il Fava e la sua grigliata, le campagne morganesi, i programmi di messaggistica istantanea, l'Università di Trieste che ci dà da mangiare, l'Acegas, casa Korsic.